Consigli per una corretta strategia di stop-loss

Per impostare una corretta strategia di stop-loss dobbiamo tener conto di alcuni fattori fondamentali, che i trader devono assolutamente considerare quando utilizzano il limite di stop loss. In primis, una strategia di ‘stop-loss’ avrà la proprietà di determinare se la strategia di trading pianificata riesca o meno ad assicurare dei guadagni o se, al contrario, produrrà una perdita di denaro. Poi, è necessario rivedere e modificare costantemente la propria strategia di stop-loss in accordo con le condizioni di mercato.

Il trader ha a disposizione vari strumenti, compresi i grafici – con i quali pianificare i propri approcci ad una strategia di stop-loss che può e fa una sostanziale differenza rispetto alla modalità con cui viene impostata. Una strategia di trading può essere vincente o perdente, non ci sono vie di mezzo.

Strategia di stop-lossUn altro punto è veramente importante: le ‘variabili macroeconomiche’: tutti quegli eventi che incidono profondamente sulla riuscita di una strategia. Si tratta, nello specifico, di eventi politici e geopolitici, legati alle politiche monetarie che ruotano attorno ai protagonisti del mercato finanziario. I prezzi sono in continuo mutamento, soggetti a sviluppi volatili e ai vari cambiamenti di tendenza.

Tutti questi elementi esercitano una influenza diretta su come un trader deve modificare la propria strategia di stop-loss. Questo meccanismo produrrà senza dubbio un risultato migliore dal punto di vista della pianificazione di una strategia che eviti uno stop-loss improduttivo.

Osservando i vari cambiamenti è possibile impostare un limite basso di stop-loss nei momenti di poca volatilità oppure è possibile aumentarne la distanza in occasione di maggiore volatilità. Questo è un aspetto fondamentale che i trader dovrebbero considerare. E’ fondamentale creare una strategia di gestione dei limiti di stop-loss, e per farlo si possono utilizzare i punti enucleati di seguito, per capire da dove iniziare e quali aspetti considerare:

  • La prima domanda: ‘Dove hai inserito il limite iniziale?’ Non si dovrebbero utilizzare numeri a caso, ma usare delle regole ben precise.
  • Seconda domanda: ‘Hai modificato i tuoi limiti di stop-loss durante l’investimento? Come e quando?’ Spostare e modificate i limiti di stop senza una regola di supervisione non è una strategia vincente né, tanto meno, sufficiente.
  • La terza domanda: ‘Hai ottenuto guadagni parziali?’ Tieni traccia dei tuoi limiti ed osserva se essi si sono avvicinati di un paio di punti prima della variazione di prezzo, oppure se il prezzo è mutato ritornando più vicino ai limiti impostati.

Se ti rifai a degli schemi, è possibile ‘aggiustare’ il tiro delle soglie dei tuoi limiti. Tieni un diario dei tuoi investimenti, sicuramente ti aiuterà. Strumenti e mercati differenti richiedono diverse strategie di ‘stop-loss’, ma non usare un limite di stop non è un opzione. Molti trader non valutano l’idea di pianificare e applicare strategie di ‘stop-loss’ rischiando di perdere cifre anche molto elevate a causa di soglie di stop-loss non appropriate.

Mosse sbagliate sulle strategie di Stop-Loss

La gestione dell’investimento è un elemento che fa una enorme differenza tra un trader principiante, a tempo perso, ed un trader professionista che punta ad ottenere un profitto costante. I trader principianti commettono degli errori abbastanza importanti, potremmo anche dire – critici – quando hanno a che fare con ordini stop-loss e gestioni degli investimenti

1. Attenzione alle promesse delle strategie di trading

Quando ricevi la proposta di seguire un corso oppure di ricevere dei suggerimenti mirati su delle strategie di trading, riceverai la sollecitazione di seguire degli investimenti con i relativi punti di ingresso e di chiusura spacciati per ‘perfetti’, mirati ad ottenere dei profitti alti. Se però queste strategie non poggiano su strategie di Stop-Loss, allora lascia stare, non dargli attenzione, perché in realtà queste strategie non promettono né garantiscono nulla di buono.

Presta sempre attenzione se si parla di strategia di trading o di stop-loss e se i trader ti mostrano i grafici in cui hanno segnalato gli investimenti; fa caso a come gestiscono i loro investimenti e analizza se sarebbe stato più opportuno rimanere nell’investimento o se questi trader sono persone dalla professionalità improvvisata.

2. Non piangere sul latte versato…

Dopo che si è concluso un investimento, è facile rimpiangere le proprie mosse e dire che sarebbe stato più vantaggioso piazzare i propri limiti ad un paio di punti di distanza, o che sarebbe stato più produttivo muoverli più vicini al prezzo attuale.

Quando i trader si accorgono e capiscono che i limiti erano in realtà troppo distanti, ne utilizzano uno inferiore nel successivo investimento, diminuendo così il rapporto rischio/guadagno ed aumentando le performance dei loro investimenti.

Il tuo pensiero deve andare ad investimenti a lungo termine, utilizza il medesimo approccio per 30 investimenti prima di cambiare la strategia di stop-loss.

3. Non fare passi azzardati…

Una volta impostato lo stop-loss non dovresti spostarlo né toglierlo perché così facendo rischi di veder sfumare il tuo capitale di trading in pochissimo tempo!

No Responses

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *